Dragone

Voce libera di Dronero e della Valle Maira

La Politica, nobile arte

Pro La Politica è una nobile arte che, secondo un approccio pragmatico, rende possibili le cose necessarie, oppure che, volando un po’ più alto, riesce a trasformare un’idea, una visione, in vivere quotidiano. Quale è una delle condizioni determinanti perchè ciò si realizzi? La disponibilità della società civile a dedicare, come Cincinnato nell’antica Roma repubblicana, una parte del proprio tempo alla comunità, per tornare poi, a mandato concluso, alle proprie normali occupazioni.

Questa visione, oggi pressochè idilliaca, un tempo insegnata nelle scuole elementari, ha lasciato spesso il posto ad una politica di sopravvivenza, nel senso più letterale del termine.

Nell’epoca della politica dei politicanti, le scelte su cui si arrovellano gli amministratori sono spesso condizionate da logiche che nulla hanno a che fare con il “sentiment” dei cittadini che amministrano.
“Primum vivere deinde philosofari”, la difesa del proprio status quo, quando non di malcelati interessi, diventa spesso il vero e unico principio ispiratore di scelte variamente edulcorate per gli amministrati di turno.
Una unione Dronero-Cartignano è un’anatra zoppa, se le unioni di Comuni si devono fare, allora che siano pensate come elemento di un disegno strategico che interessi tutta la Valle Maira, vista come un unico organismo di cui valorizzarne le specificità culturali ed economiche. E se per raggiungere questo obiettivo qualche tacchino si vedrà costretto a festeggiare il Natale che si avvicina, nulla di drammatico, semplicemente anticiperà il ritorno alle proprie normali occupazioni.

Risulta difficile immaginare che questa unione in cantiere sottenda ambiziosi disegni politici, molto più realistico, invece, ricondurla al prossimo avvicinarsi della fine di un ciclo amministrativo a cui, senz’altro, tornerebbe utile farne seguire uno nuovo… E se Cartignano, alla fine, si negasse rimarrà pur sempre Montemale !

Massimo Monetti

I commenti sono chiusi.