Dragone

Voce libera di Dronero e della Valle Maira

Trasparenza: invocata, negata, più spesso dimenticata

Pro Torniamo su questo tema che abbiamo già affrontato diverse volte partendo proprio da due temi dell’ultimo Consiglio comunale.

Il conto consuntivo 2017 dell’ente e l’eventuale fusione con Cartignano.
Partiamo però da più lontano, dalla Politica ai livelli più alti. Quella Politica che invoca la partecipazione consapevole del cittadino, quella che voleva e vuole abrogare le tante leggi inutili e semplificare la burocrazia, quella che voleva aprire il Parlamento con un apriscatole, quella europea – più grande di tutti noi – condizionata e condizionabile unicamente dal “mercato” e attenta più alle agenzie di rating, pronte a dare pagelle ma incapaci di prevedere le crisi economiche, che alle necessità delle persone.
In questo scenario, la partecipazione del cittadino è un’immagine di bandiera e la disaffezione del medesimo, chiamato in causa solo quando servono i voti, diventa quasi inevitabile. Lo testimonia inequivocabilmente il calo dell’affluenza alle urne.
Senza polemica alcuna, un solo esempio: a proposito di “apriscatole” chi dopo le elezioni politiche 2013 fece un cavallo di battaglia della diretta streaming per le trattative politiche, si è guardato bene dal fare altrettanto nella sceneggiata durata due mesi, dopo le elezioni 2018. E già questo la dice lunga sulla volontà di trasparenza vera.
Ma veniamo a cose più vicine a noi.
Pensare alla fusione di più comuni è un tema che travalica numeri e finanziamenti; è una questione che non si può limitare alle “segrete stanze”. E poi, la necessità di conoscere pochi dati, ma chiari e comprensibili, per spiegare agli amministrati come sta il comune di cui sono cittadini dovrebbe essere una priorità. In realtà il tutto si riconduce ad argomenti per addetti ai lavori.
Sintomatico il fatto che, quando nel consuntivo si parla di MOL (acronimo per definire il margine operativo lordo), il tecnico di turno non ha difficoltà ad asserire che nemmeno la Giunta sa cosa significhi.
Se questo corrisponde al vero, come possiamo pensare che i cittadini si appassionino all’amministrazione del loro paese?

ST

I commenti sono chiusi.