Dragone

Voce libera di Dronero e della Valle Maira
Cronache dal Consiglio Comunale Cronache del Consiglio Comunale di Dronero del 18 Ottobre 2018

Consiglio Comunale 18/10/2018



Questi i punti della discussione.

1. VARIAZIONE PRG Testo dell'ordine del giorno : MODIFICHE AL P.R.G.C. AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 12 DELLA LEGGE REGIONALE N. 56/1977 E S.M.I.
Sindaco : Vogliamo modificare un solo comma del PRG (Piano Regolatore Comunale) per ridefinire alcuni comparti di alcune aree della Fazione Tetti ( Arsoglio, Riba e alcune altre ). Ne potranno usufruire interventi privati ed enti pubblici. Consigliere Tenan : Perche' solo tre borgate ? Sindaco : Per poter aderire a futuri bandi. Ieri abbiamo avuto la Consulta dei Sindaci della Valle e, grazie a questa variazione di PRG, Dronero raggiunge un terzo posto nella classifica dei prerequisiti, cosa che consente alla Unione Montana di presentare ben sei progetti. Il bando in questione (Borgate Alpine) e' molto interessante perche' prevede una quota di cofinanziamento del solo 10%. Il fatto di essere in una buona posizione in graduatoria ci da' una speranza in piu'. Consigliere Bernardi : Nell'azione di governo di un territorio non ci devono essere aree riservate, siamo alla 31^ variante di un PRG datato 1997, riteniamo si debba intervenire globalmente. Ogni volta che c'e' un problema si fa una variante Sindaco :Polemica inutile, si tratta di un piccolo intervento con cui autorizziamo una sostituzione di metratura, nulla di piu', e questo finalizzato alla necessita' di avere maggiori chances nel bando a cui stiamo partecipando come Unione Montana.

2. MINIGOLF Testo dell'ordine del giorno : ACCORDO TRANSATTIVO VOLTO A DEFINIRE IL GIUDIZIO PROMOSSO DA MINIGOLF PARK DI MARINI FABRIZIO, CONTRO IL COMUNE DI DRONERO E LA PROVINCIA DI CUNEO, AVANTI AL TRIBUNALE REGIONALE DELLE ACQUE PUBBLICHE (R.G. N. 951/2015)
Sindaco : Abbiamo chiuso una vertenza che interessava il comune Dronero e la provincia di Cuneo a seguito dell'esondazione del Rio Roccabruna nell'anno 2009. La trattativa e' stata lunga e abbiamo cercato di limitare i danni per il Comune. La causa si e' chiusa con una transazione tra le parti, la Provinica di Cuneo ha costruito il passaggio pedonale, il Comune di Dronero ha ceduto al gestore del Minigolf, il sig. Marini Fabrizio, la gestione del campo di calcetto, a cui abbiamo rifatto il fondo, in cambio il Marini rinuncia a future richieste di risarcimento per eventuali esondazioni. Il Comune ha provveduto in tutti questi anni ad una serie di attivita' quali lo sgrigliatore e la pulizia degli alvei e l'esondazione non c'e' piu' stata, riteniamo che con una buona manutenzione una situazione analoga non dovrebbe piu' ripetersi. Consigliere Bernardi : Se le spese legali le paga chi ha portato in giudizio il Comune allora mi fermo qui e voto a favore. Sindaco : Mi spieghi quale e' la motivazione che sta alla base della sua affermazione ? Consigliere Bernardi : Abbiamo tanti cittadini che si comportano bene e poi abbiamo dei personaggi che devono trarre benefici anche dopo che sono gia' stati beneficiati. Tutti avevano detto in quel sito sarebbe arrivata l'acqua, pero' alla fine, viste le insistenze venne concessa l'autorizzazione a costruire, a questo "favore" si aggiunsero, in tempi diversi, svariate agevolazioni. Ecco che quando arriva l'esondazione il beneficiato, ovvero il sig. Marini, decide di portare in giudizio il Comune e non solo, poi, quando capisce che ormai la causa e' persa, si dichiara disponibile alla transazione. Con l'assicurazione non ha avuto tutte le chances che ha avuto con gli enti pubblici, perche' il privato si comporta diversamente dal pubblico, invece il Comune cede e concede. Cosi' ogni "tachis" ha una speranza. Aggiungo anche che l'impegno sottoscritto dal Marini a non intenarre future cause ha una clausola, quella realtiva alla eventuale negligenza del Comune nella manutenzione dell'alveo, che di fatto lascia aperti spazi sconfinati per future nuove cause. Sindaco : Ci siamo trovati, dopo 9 anni, a gestire un "casino". Abbiamo cercato di cautelarci per il futuro. Non concordo sull'affermazione che abbiamo concesso troppo. Avremmo comunque dovuto rifare il manto del calcetto. Poi la gestione, ci costava 350 euro, da adesso in avanti, nulla. Manutenzione ordinaria e pulizia del campo sono a carico del Minigolf e le tariffe dovranno essere concordate col comune.
Votazione : L'opposizione vota Contrario.
Nota : Cosi' alla fine si esprime il Sindaco "Tenan, tu eri Vicesindaco, quindi responsabile dell'aver lasciato andare a mollo il minigolf, mi sarei aspettato un atteggiamento diverso e non il voto contrario".

4. Concessione Campo Calcetto Testo del'ordine del giorno : CONVENZIONE AVENTE AD OGGETTO LA CONCESSIONE A MINIGOLF PARK DI MARINI FABRIZIO - IN ESECUZIONE DELL'ACCORDO TRANSATTIVO - DEL CAMPO DA CALCETTO E SPOGLIATOIO E DELL'ADIACENTE CAMPO POLIVALENTE BASKET E PALLAVOLO CON ANNESSE AREE VERDI CIRCOSTANTI DI CUI AL F. 25 MAPPALE 548
Concessione a Marini ( vedi passaggio precedente ) della gestione campo calcetto con tariffe concordare con il comune di Dronero.

5. Variazione Bilancio Testo dell'ordine del giorno : VARIAZIONE DI BILANCIO N. 3
Queste le variazioni relative alle entrate : 5.000 euro per diritti di segreteria, 1.000 euro per anagrafe, 5.000 da Fondazione CRC per il Museo Malle' (gestito da Espaci Ousitan). Queste le variazioni relative alle uscite : 3.500 euro all'Unione Montana, 12.000 euro per la partecipazione al bando Borgate Alpine, 3.000 euro per Espaci Ousitan.
Votazione : L'opposizione afferma "E' il vostro bilancio". ASTENSIONE

6. Regole economato Testo del'ordine del giorno : NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE P'ER IL SERVIZIO ECONOMATO
Sindaco : Abbiamo redatto un nuovo regolamento per l'Economato, ovvero quel servizio che mette a disposizione dell'amministrazione comunale un cifra in contanti per le piccole spese. Si tratta di 5.000 euro gestiti da un dipendente del Comune che non sara' piu' il Responsabile Amministrativo (Dott. Arnaudo), ma una nuova figura, questo al fine di distinguere tra le figure di controllato e controllante, il Dott. Arnaudo per l'appunto.

7. Revisione Societa' Partecipate Testo dell'ordine del giorno : ADOZIONE REVISIONE ANNUALE DELLE SOCIETA' PARTECIPATE EX ART. 20 DEL D. LGS. 19 AGOSTO 2016, N. 175, COME MODIFICATO DAL D.LGS. 16 GIUGNO 2017, N. 100.
Come prescrive la legge abbiamo preparato il Documento di revisione straordinaria delle societa' partecipate dal Comune, queste sono : ACDA Spa (Gestione Acquedotti), ACSR Spa (Gestione Ciclo Rifiuti), AFP (Azienda Formazione Professionale), AziendaTuristica. TECNOGRANDA e' in liquidazione, il BIM (Bacino Imbrifero Montano) ha all'acquisto per cedere poi in affitto l'intera struttura all'AFP, che cosi' si ritrova in una bella sede. In piu' il comune ha recuperato i crediti, ovvero 113.000 euro. Ottimo risultato, obiettivo raggiunto.

8. Bilancio di esercizio Consolidato Testo dell'ordine del giorno : BILANCIO CONSOLIDATO ESERCIZIO 2017 EX ART. 11 BIS D.LGS. 118/2011
Redazione del bilancio consolidato del Comune di Dronero, ovvero del bilancio del Comune a cui si aggiungono quelli delle societa' partecipate. Il Bilancio, nelle sue componenti : Conto Economico e Stato Patrimoniale, porta ad un risultato totale di circa 16 Mln di euro. Tutte le societa' hanno chiuso con risultati economici positivi, in complessivo il valore patrimoniale delle partecipate e' aumentato. Consigliere Bernardi : Sul sito del Comune di Dronero questo Bilancio non e' presente Vicesindaco Agnese: Abbiamo da poco cambiato il sito, ci manca ancora un po' la manualita', provvederemo.

9. Modifica regolamento Salti idraulici
La variazione e' conseguente ad una richiesta avanzata da nuovi gestori di salti idraulici. Per trattare con GSE (Gestore Servizi Enegetici, societa' del Ministero dell'Ecomia) e poter avere alcuni benefici di legge e' necessario che il regolamento dell'ente che gestisce la risorsa pubblica (il canale) recepisca un Regio Decreto del 1904. Consigliere Bernardi : Esiste una commissione canali, ma non e' stata convocata. Questa variazione comporta maggiori oneri progettuali per i futuri richiedenti una concessione ? Sindaco : E' una modifica banale, il Regio Decreto semplicemente obbliga il concessionario a non arrecare danni alle strutture demaniali sulle quali realizza i suoi impianti. Si chiama anche "decreto paludi" perche' venne redatto per proteggere i lavori di bonifica, per l'appunto demaniali, dagli inteventi strutturali dei concessionari che sfruttavano i canali.

Interrogazione FALCI Interrogazione presentata dall'opposizione in merito a "Situazione dell'azienda, procedure d'asta e ricadute occupazionali per scongiurare nuove crisi occupazionali"
Sindaco : Da chi avete avuto informazioni negative tali da indurvi a presentare questa interrogazione? Consigliere Bernardi : Dai sindacati, sappiamo di riduzioni di orario di lavoro, esiste una certa preoccupazone. Sindaco : Vi ringrazio per l'Interrogazione perche' mi ha dato la possibilita' di approfondire l'argomento. Ho incontrato personalmente l'Amministratore Delegato di Falci Spa, il sig. Pedretti, che mi ha esposto il piano industriale e mi ha autorizzato a divulgarlo. Questa la sintesi "L'azienda ha avuto qualche difficolta' a cuasa della perdita di un grosso cliente spagnolo, e' in corso una riorganizzazione per ricalibrare la produzione. Prossimamente ci sara' l'assunzione di due nuovi forgiatori, figura fondamentale nel processo produttivo di falci e falciole secondo la tradizione di FALCI-DRONERO. Verra' installata la quarta gabbia del laminatoio a cui seguira' l'assunzione di due nuovi operai. Grazie al lavoro del nuovo responsabile commerciale si sa aprendo il mercato indiano. L'introduzione dei nuovi dazi americani ci ha creato qualche problema. Le FALCI hanno messo in piedi un accordo di collaborazione con la sede universitaria di Cuneo per l'organizzazione di stage per studenti. Delle 14 aziende del gruppo Calvi, le FALCI e' l'unica azienda che produce un prodotto finito. I dipendenti oggi sono 62."
Ho avuto modo di constatare, con piacere, la ferma volonta' da parte dell'azienda di crescere, ritengo ne sia una prova il tentativo fatto dalle FALCI di acquistare i principale e storico marchio concorrente, quello dell'azienda austriaca Grosser Hafner, tentivo purtroppo andato a vuoto. Non bisogna creare allarmismi ingiustificati. Al momento mi sembra che ci siano buone prospettive.

Battute finali : L'opposizione pone l'accento su due anniversari ricorrenti quest'anno : i cento anni della morte del Dottor Vittorio CALDO e l'Anniversario della Vittoria 1^ Guerra Mondiale Consigliere Bernardi : Vittorio Caldo ha portato la Ferrovia, e' stata una figura molto importante del primo Novecento dronerese. Sindaco :Ringraziamo per il suggerimento che prenderemo in considerazione, ma non abbiamo ancora deciso. Anniversario Vittoria 1^ Guerra Mondiale Consigliere Totino: Ipotizziamo una manifestazione il 30 Novembre con scuole e cittadini, proiezioni di un documentario di Fredo Valla e convegno sull'impatto del conflitto nella valle con la raccolta di fotografie di soldati, ad Espaci.

Si chiude il Consiglio.

Questa la cronaca.

Massimo Monetti


COMMENTO - Consiglio Comunale del 18/10/2018

Il Piano regolatore (PRG) ha oltre 20 anni, il mondo e' cambiato, e anche di molto. Argomenti quali il consumo del suolo, la salvaguardia dei paesaggi e della tipicita', non avevano diritto di cittadinanza nei lontani anni '90. E' tempo di pensare ad un nuovo strumento urbanistico, unico momento di programmazione strategica nei comuni quali il nostro. Uno strumento che magari tenga conto delle nuove sensibilita' ambientali e lasci lontani i centri commerciali, persegua il riuso dell'esistente invece di pensare di espandere all'infinito le aree edificabili, che metta ordine tra le aree residenziali e le aree artigianali ponendo fine a situazioni paradossali, eredita' degli anni '50, e sempre procrastinate nel silenzio, che valorizzi l'architettura tipica e l'attenzione all'impatto energetico. Certo questo non e' argomento di una amministrazione che si incammina verso il viale del tramonto, ma noi ne parliamo lo stesso.

Chiedere di edificare nell'ansa del rio Roccabruna, in quel di PraBunet, e pretendere un risarcimento a fronte di un'esondazione e' un po' come sedersi sul bagnasciuga della spiaggia di Alassio e fare causa al comune perche' un onda un po' piu' esuberante ti ha messo a mollo. Bernardi ha perfettamente ragione quando dice che l'impegno a non citare in giudizio il Comune a a fronte di nuove esondazioni e' una pia illusione, ma e' anche altrettanto vero che un amministratore pubblico non ha vita facile in occasioni come queste. Un privato risponde a se stesso o al suo Consiglio di Amministrazione, un Sindaco deve fare i conti con una burocrazia borbonica che lascia passare travi intere, ma non risparmia la piu' piccola pagliuzza.

Parlando di nuovo regolamento dell'Economato, ottimo il principio di dividere i ruoli di controllore e controllante, sarebbe interessante fare una verifica a tappeto per vedere se questo principio e' sempre seguito dalla amministrazione.

Lo stato delle societa' controllate e' positivo e questa e' una buona notizia, peccato che il bilancio consolidato non sia disponibile sul sito. L'ultimo documento di bilancio caricato risale al 10 Aprile 2018, e' molto positivo l'essersi finalmente dotati di un sito internet adeguato, pero' bisogna anche utilizzarlo !

Tecnogranda, l'operazione e' perfettamente riuscita, ma il paziente e' morto. La soluzione AFP era l'unica strada di buon senso percorribile, e noi stessi, in tempi non sospetti, l'avevamo ipotizzata, rimane pero' il fatto che viene definitivamente intonato il De Profundis per un'iniziativa che la politica locale, e non, non ha saputo e voluto sostenere. Deve ancora passare un po' di tempo per poter analizzare con distacco quanto e' successo. Rimane pero' il dato oggettivo che il Comune di Dronero, a fronte dei 113.000 euro recuperati, deve fare i conti con una perdita importante pari al valore del capitale iniziale conferito dal Comune alla societa' (circa 400.000 euro) all'atto della costituzione nel Maggio 2002 ed il successivo aumento di capitale sottoscritto, cito a memoria, nel 2007. Un gran peccato.

Massimo Monetti